L’IFA 2015 parla cinese

È l’anno della connettività e della smart home. In crescita l’elettronica da intrattenimento e gli elettrodomestici

di Massimo Demontis (Berlino)

876

Parla decisamente cinese l’IFA 2015 (Internationale Funkausstellung). La tradizionale fiera internazionale dell’elettronica e dei prodotti di largo consumo che si svolge a Berlino ai piedi della torre radio, la Funkturm, dal 4 al 9 settembre.

Su una vasta area espositiva di 150.000 metri quadri, oltre 1600 espositori provenienti da 49 paesi, di cui circa un terzo dalla Cina, mostrano novità e trend attuali e futuri su prodotti di largo consumo come smartphones, tablets, tv ad altissima definizione, notebooks, camere digitali, hi-fi e un gran numero di wearables devices, in altre parole tecnologie indossabili, dallo smartwatch, ai braccialetti per il fitness, alle videocamere ai micro-computer.

La domotica e i dispositivi smart home

L’IFA non è solo smartphones  tablets e tv, è anche domotica, un concentrato di innovazione tecnologica e di soluzioni per un “governo della casa” sempre più “intelligente e interconnesso”, per un ambiente domestico comodo e tecnologicamente ultramoderno.

I big internazionali del settore e brand meno conosciuti ma agguerriti, presentano nuovi trend in fatto di frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, prodotti per l’igiene e la cura del corpo, aspirapolvere, elettrodomestici e utensili da cucina e utensili e tutte le soluzioni chiamate smart home.

Gli smart home sono dispositivi capaci di controllare a distanza – tramite terminali connessi a internet – a che punto è la lavatrice, di programmarne l’inizio e il tipo di lavaggio, far suonare un allarme se il frigorifero è aperto o se in casa viene rilevato del fumo o gas, regolare la temperatura nell’appartamento, sorvegliare la casa.

Il risparmio energetico, la sicurezza, la gestione a distanza degli elettrodomestici e l’entertainment sono le direttrici di sviluppo dei dispositivi smart home. All’IFA 2015 gli esperti del settore sono convinti che da questo momento in poi, grazie al crescente interesse dei consumatori in Europa, queste tecnologie otterranno un forte impulso. Irrobustendo un trend in crescita e un mercato di grande interesse sia per i produttori sia per gli acquisti online al fine di renderli sempre più a “misura” di acquirente: semplici, veloci, iper mirati. La sicurezza di questi dispositivi meriterebbe tuttavia un discorso a parte.

L’anno del dragone

Notevole la presenza dei cinesi, oltre il 30 per cento degli espositori, con grossi nomi internazionali come Lenovo, TCL, Haier, Hisense, Huawei e ZTE. Questi ultimi sempre più ”aggressivi” nella competizione per contendere a Samsung, Apple e Sony il podio nel mercato degli smartphone. E notevole anche la presenza di piccoli produttori del distretto di Shenzhen

Huawei – come noto – ha presentato due pezzi da novanta, il Mate S e il G8.

Il Mate S, phablet sottile soltanto 7,2 millimetri e con un peso di 156 grammi pronto a dare filo da torcere ai leader Apple e Samsung e a conquistare i mercati mondiali, si presenta con un display Amoled full HD da 5,5 pollici e un vetro Gorilla Glass4. Il lato posteriore del metal phone è dotato di una fotocamera da 13 megapixel, mentre la fotocamera anteriore ha un sensore da 8 megapixel. Oltre alla grande maneggiabilità del dispositivo, alla sua robustezza e al design accattivante, non diverso dal suo predecessore Ascend Mate 7, il Mate S presenta due novità molto interessanti: il Force Touch e una funzione di ricarica veloce della batteria che consentirà – secondo l’azienda – con soli dieci minuti di ricarica un uso di due ore.

821

Il Force Touch, tecnologia introdotta da Apple e che probabilmente sarà in uso anche nel nuovo iPhone 6s, disponibile solo nella versione da 128 GB, consente al touchscreen di riconoscere una pressione più accentuata mettendo a disposizione alcune delle funzioni principali dello smartphone.

Anche il modello della serie G, il G8, un device di fascia media con aspirazioni high-end sembra destinato a grandi successi. Display in full HD da 5,5 pollici, vetro Gorilla Glass 2.5, sistema operativo Android Lollipop 5.1, il G8 ha un metal body al 90 per cento in alluminio. La fotocamera posteriore è da 13, quella anteriore da 5 megapixel. Dotato di connessione LTE e di slot Dual SIM, il G8 ha una batteria da 3000 mAh.

857

Sony non è rimasta a guardare e ha presentato all’IFA tre nuovi smartphone della gamma Xperia.

Il Xperia Z5 Premium è il fiore all’occhiello della casa giapponese, il primo smartphone al mondo con display da 5,5 pollici a tecnologia 4k capace di riprodurre immagini in ultra definizione. Tutti e tre i modelli di Xperia Z5 sono dotati di fotocamera posteriore da 23 e camera anteriore da 5,1 megapixel e di uno speciale sensore con autofocus ibrido in grado di – informazione aziendale – mettere a fuoco in 0,03 secondi. Diversa invece la risoluzione: solo il top di gamma, il Xperia Z5 Premium ha una risoluzione di 3480 x 2160 pixel. Interessante lo spessore del phablet contenuto in soli 7,3 millimetri. Tutti e tre modelli sono dotati di sistema operativo Android Lollipop 5.1.

784

È tempo di tv in UHD, 4k e 8k

Oltre agli smartphone occupano da alcuni anni la scena anche i smart tv e i tv ad alta definizione UHD. Curvi e non, tutti i big del settore Philips, Samsung, Sony, Panasonic, Toshiba, il rinato e rinomato brand tedesco Loewe, i meno noti turchi di Vestel, i cinesi TCL e Hisense hanno presentato screen accattivanti in grande formato, con contrasti elevatissimi in 4k e 8k e una gamma colori fenomenale.

775

 

Come è stato evidenziato qui all’IFA, i tv in 4k e 8k non avrebbero alcun senso se la potenza del processore grafico non avesse fatto passi da gigante. Senza un processore adeguato non sarebbero infatti in grado di riprodurre immagini in modo fluido. È ancora presto per capire quale futuro avranno questi bolidi dell’immagine considerando che lo standard attuale è il full HD. Non la pensa così Hans-Joachim Kamp, presidente del consiglio di vigilanza della gfu, Consumer & Home Electronics, la società che gestisce l’organizzazione dell’IFA, convinto che il futuro di questi tv sia già segnato perché “i tv UHD continuano a essere un’area di grande sviluppo, con una crescita stimata del 178 per cento quest’anno, per arrivare a 28.4 milioni di unità vendute”. (fonte GfK)

L’età della connettività

Nick Parker, Corporate vice-president di Microsoft OEM Division, ha detto che sarà la connettività “a cambiare presto le nostre vite”. È questa la parola d’ordine dell’IFA 2015, connettività. Un mondo connesso da dispositivi multifunzionali sempre più richiesti dai consumatori che, stima l’Ocse, nel 2050 vivranno per il 70 per cento in ambiente urbano.

Il mercato dell’elettronica da intrattenimento –secondo le ricerche della GFK, azienda che si occupa di ricerche di mercato e comportamenti del consumatore – è in una fase di “mutamento radicale”. La fascia di mercato tv e audio, grazie alla tecnologia Ultra-HD, ai soundbar e ai sistemi multi-room registra potenziali di crescita nonostante il calo di vendite di tv LCD. GFK stima che nel 2015 “saranno venduti 28 milioni tv UHD”, la gran parte in Cina, mentre in Europa occidentale ne saranno venduti circa 4 milioni. Uno ogni dieci tv venduti in Europa sarà quindi un tv UHD.

In crescita il mercato degli elettrodomestici in Cina, India, Europa occidentale e orientale. In regressione rispetto al 2014 invece quello di Russia e Brasile. In questo settore fanno da traino soprattutto le asciugatrici e tutti gli elettrodomestici controllabili a distanza.

Nel primo semestre del 2015 il settore dei piccoli elettrodomestici e robot da cucina, da quelli per la cura del corpo, agli aspirapolvere ai ferri da stiro, si è rivelato un importante fattore di crescita, generando il 12 per cento di spesa in più a livello globale (Nord America escluso). Anche in questo settore la Cina è il mercato più forte per questi prodotti. Molto richiesti gli standmixer, i cuociriso a vapore, gli aspirapolvere senza fili e gli aspirapolvere robot.

In espansione a livello mondiale, grazie alla tecnologia di trasmissione dati per reti senza fili Bluetooth, il settore dell’elettronica da intrattenimento. Qui a farla da padrone sono i diffusori docking con connettività Bluetooth, le cuffie, gli headset, le radio digitali.

Considerevole anche la richiesta di action cams, droni e quadcopter.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s